Il ruolo degli strumenti di progettazione nella pianificazione di città intelligenti.

Le città intelligenti nascono dal bisogno naturale degli essere umani di vivere in armonia ed equilibrio con l’ambiente. Attraverso l’utilizzo efficiente delle infrastrutture, la tecnologia e le risorse naturali, queste città sono alla ricerca di qualità di vita per i loro abitanti. Ciò crea una produzione più sostenibile e un modello di consumo mediante un’economia circolare in cui tutti i sistemi lavorano insieme anziché singolarmente. Per soddisfare questa necessità impellente, la missione dei paesaggisti è trasformare le città attraverso uno sviluppo urbano intelligente e invenzioni sostenibili. Fortunatamente, la tecnologia digitale ha fatto passi da gigante sviluppando la capacità di importare dati spaziali nel file dei disegni tecnici e offrendo un punto di partenza per il processo di pianificazione urbana. In questo senso, Lands Design fornisce un insieme di strumenti per la pianificazione urbanistica, con funzionalità specifiche per creare un sopralluogo topografico preciso e una mappatura del terreno, usando informazioni ottenute dalle linee di contorno, dai file DEM o da immagini satellitari.
Immagine di Singapore, modello 3D importato in Lands Design

Immagine di Singapore, modello 3D importato in Lands Design in un solo clic

La possibilità di importare la mappa satellitare, le linee di contorno, il terreno e gli edifici 3D dal contesto spaziale dell’area da disegnare al file del progetto fornisce uno strumento cruciale per qualsiasi progetto di paesaggismo. Ciò rappresenta un nuovo flusso di lavoro più efficiente e veloce , in tutte le fasi del progetto: pianificazione, design e costruzione, offrendo come risultato un modello BIM di oggetti intelligenti con parametri specifici e proprietà che possono essere visualizzate automaticamente in 2D o 3D. Per concludere, il processo di modellazione 3D e l’approccio BIM rappresentano un contributo significativo per la creazione e sviluppo di città intelligenti che non sono più un’alternativa, bensì un’esigenza reale.